(+39) 0573.91.90.74CONTATTACI
0item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Come friggere alla perfezione

Una frittura dorata, croccante e asciutta è uno dei piaceri della vita a cui è difficile resistere. Se non si esagera con le porzioni e si frigge a regola d’arte non fa male come spesso si pensa.

Guarda il video tutorial della Pinza Scolafritto:

La frittura: il metodo di cottura

Per friggere si intende cuocere le pietanze in un grasso ad alta temperatura che, quindi, deve avere un punto di fumo elevato. Il burro e la margarina non sono adatti per friggere perché tendono a bruciare, quindi in genere si usa l’olio d’oliva o altri oli vegetali.

Tenendo presente che una frittura perfetta non dovrebbe mai superare i 190°C, l’olio d’oliva resiste bene al calore in quanto raggiunge il punto di fumo a circa 200°C. Inoltre, la frittura in olio d’oliva è più saporita e non rilascia odori fastidiosi. In alternativa, si possono usare l’olio di semi di arachide e/o di girasole.

Quando si frigge, è importante utilizzare una pentola con i bordi alti perché, se la fiamma raggiunge l’olio all’interno, potrebbe infiammarsi. Nel caso che l’olio prendesse fuoco, non usare l’acqua per spegnerlo ma chiudere prontamente il gas e coprire con un coperchio.

olio per friggere

Come friggere: alcuni consigli

Per un risultato ottimale, la frittura va eseguita all’ultimo momento e servita calda, mentre gli alimenti da friggere e la pastella possono essere preparati in anticipo. Per i cibi che cuociono rapidamente è sufficiente un’infarinatura (ad esempio pesci di piccole dimensioni), mentre per gli altri alimenti si possono preparare un’impanatura con farina, uovo e pan grattato (come per le cotolette) o una pastella (ideale per le verdure).

Per friggere alla perfezione è importante utilizzare olio abbondante; i cibi devono letteralmente “nuotare nell’olio” per galleggiare e diventare così croccanti. In questo modo il fritto risulta leggero, impregnandosi pochissimo d’olio. Gli alimenti da friggere devono essere a temperatura ambiente; se sono freddi, infatti, si impregnano d’olio e i tempi di cottura si allungano.

come friggere alla perfezione (1)

Una volta acceso il fuoco, bisogna aspettare che l’olio raggiunga il punto di frittura, cioè la temperatura ottimale da mantenere costante fino al termine della cottura. Se, quando si immerge il cibo nell’olio caldo, questo inizia a sfrigolare e si formando intorno piccolissime bollicine, significa che il punto di frittura è stato raggiunto. Come prova, utilizzate un assaggio dell’alimento da friggere; quando inizia sfrigolare si può capire il tempo di cottura ed eventualmente regolare la temperatura.

La temperatura dell’olio è un fattore decisivo per la buona riuscita del fritto e varia a seconda che i cibi siano crudi o precotti, più o meno umidi. Le verdure crude, ad esempio, devono essere fritte a temperatura moderata di 130-145°C, in quanto hanno bisogno di cuocere internamente e formare la crosticina croccante, mentre i cibi precotti (crocchette, verdure pastellate surgelate ecc.) hanno bisogno di una temperatura più alta, intorno a 175-190°C. Una temperatura caldissima, intorno a 175-190°C, è invece consigliabile per fritture di piccole dimensioni, come le verdure crude tagliate a julienne.

patate fritte

Una buona regola è non riutilizzate mai l’olio usato per friggere, ma servirsi ogni volta d’olio crudo e nuovo. Durante la frittura mantenere sempre il livello d’olio iniziale quindi, se questo si abbassa, aggiungere altro olio nuovo e aspettare che raggiunga il punto di frittura prima di continuare con la cottura. Infine, tenere sempre l’olio pulito, rimuovendo eventuali i frammenti di alimenti, che possono carbonizzarsi rovinando il sapore della frittura.

L’accessorio geniale: la Pinza Scolafritto

Per una frittura a regola d’arte ci possono essere di grande aiuto gli accessori da cucina, come la Pinza Scolafritto. Grazie al suo lungo manico, permette di afferrare in sicurezza gli alimenti da friggere (patatine, crocchette, pesciolini, verdure impanate, polpette ecc.) e adagiarli sull’olio bollente, senza il rischio di scottarsi.

pinzascolafritto-frittura-perfetta

Una volta che i cibi hanno raggiunto la giusta doratura, la Pinza Scolafritto permette di scolare perfettamente dall’olio in eccesso. Il risultato sarà una frittura più digeribile ed appetitosa.

Lascia un Commento